106052

Quando assumere un integratore di vitamina C

Antonello Arrighi
Dr. Antonello Arrighi
Specialista in Pediatria. Pediatra di Libera Scelta USL 8 Arezzo.
Quando e perché integrare la propria dieta con vitamina C in caso di stanchezza o per rafforzare il sistema immunitario.

IL NUOVO EBOOK

21 ricette facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

Perché integrare la propria dieta?

La vitamina C è un nutriente essenziale per l’uomo che l’organismo non è in grado di sintetizzare, dovendo quindi essere introdotta con il cibo o assunta con integratori specifici quando necessario.

Si tratta di una vitamina indispensabile per il corpo poiché svolge un ruolo di primaria importanza in alcuni processi biologici, quali il metabolismo delle proteine e la formazione di collagene, carnitina e di alcuni neurotrasmettitori e ormoni.

Il collagene è presente in pelle, ossa, tendini, articolazioni, denti e nelle pareti dei vasi sanguigni, e fornisce il supporto e la struttura al  tessuto connettivo, ubiquitario nell’organismo.

La vitamina C è un potente antiossidante e un ottimo aiuto per rafforzare il sistema immunitario.

Fase della vita

Importo consigliato

Bambini fino a 6 mesi di età

40 mg

Bambini dai 7 ai 12 mesi di età

50 mg

Bambini da 1 a 3 anni di età

15 mg

Bambini dai 4 agli 8 anni

25 mg

Bambini dai 9 ai 13 anni

45 mg

Adolescenti (maschi) dai 14 ai 18 anni

75 mg

Adolescenti (ragazze) dai 14 ai 18 anni

65 mg

Adulti (uomini)

90 mg

Adulti (donne)

75 mg

Donne incinte

85 mg

Donne che allattano

120 mg [1]


Come si evince dalla tabella, a seconda della fase di vita in cui una persona si trova, il fabbisogno giornaliero di vitamina C può cambiare. Oltre ai bambini, coloro che hanno maggiore necessità di assumere vitamina C sono soprattutto le donne incinte o in fase di allattamento. Contribuendo alla formazione e al sostegno dei tessuti, la vitamina C è infatti indispensabile per lo sviluppo e la crescita del feto.

Vitamine idrosolubili

Insieme a quelle del gruppo B, la vitamina C fa parte della categoria delle vitamine idrosolubili, ovvero quelle che si sciolgono nell’acqua. Queste vitamine sono importanti per l’organismo poiché partecipano a numerosi processi biologici nei diversi tessuti; a differenza delle liposolubili, non vengono immagazzinate nel corpo. Ciò vuol dire che esse devono essere assunte con regolarità attraverso il cibo o con integratori appositi.

Carenza di vitamina C

Avendo un’alimentazione completa e ben bilanciata, consumando quotidianamente frutta e verdura fresche, normalmente l’apporto di vitamina C risulta adeguato al fabbisogno di ciascuno. Esistono però condizioni particolari a causa delle quali la vitamina C può essere carente e, pertanto, è opportuno integrarla con supplementi specifici.

  • In gravidanza e allattamento il fabbisogno giornaliero aumenta.
  • In caso di un’alimentazione povera o del tutto sprovvista di determinati cibi, la vitamina C potrebbe essere carente.
    Essa è presente soprattutto in peperoni, broccoli, rape, agrumi, fragole, meloni, pomodori, cavolo, cavolfiore e verdure a foglia verde come spinaci, rapa e senape.

È importante anche prestare attenzione ai metodi di conservazione e di cottura degli alimenti. Quanto più un frutto o un ortaggio sono freschi, tanto più sono ricchi di vitamina C; quando non è possibile consumare crudi alcuni tipi di verdura, è meglio prediligere una cottura a vapore rispetto alla bollitura.
In questo modo, le sostanze nutritive non vengono eliminate insieme all’acqua di cottura.

  • Infezioni intestinali, malattie renali, condizioni infiammatorio-degenerative che interessano l’apparato digerente , quali il Morbo di Crohn e la colite ulcerosa, come anche le neoplasie, possono interferire con l’assorbimento della vitamina C.
  • Fumo e alcol, oltre a contribuire allo stress ossidativo, diminuiscono l’assimilazione di vitamina C.
  • Anche alcuni farmaci, come gli antiacidi e certi antidiabetici, possono interferire con l’assorbimento della vitamina C.[2]

integratore vitamina c

La carenza di vitamina C provoca stanchezza e affaticamento, dolori articolari, sanguinamenti gengivali, tendenza emorragica, scarsa cicatrizzazione dei tagli,  fragilità strutturale e disturbi dell’umore.
Nei casi più gravi, tale deficit può causare persino lo scorbuto, condizione davvero molto rara nei paesi industrializzati. I sintomi di questa malattia sono: stanchezza e affaticamento, secchezza della cute, perdita dei denti, fragilità ossea, dolori estesi, anemia, difficoltà di guarigione dalle ferite, forti sanguinamenti gengivali, emorragie importanti, abbassamento delle difese immunitarie.

Sistema immunitario

La vitamina C è in grado di supportare alcune funzioni cellulari, anche quelle che interessano il sistema immunitario innato e quello adattivo. Essendo un potente antiossidante, la vitamina C protegge le biomolecole dai danni ossidativi causati dall’invecchiamento o da fattori esterni, quali fumo e inquinamento. Il suo contributo consente il rafforzamento dei leucociti, importantissimi per difendere l’organismo dalle infezioni.[3]

PREPARARSI AL CAMBIO DI STAGIONE

Stress ossidativo

L’azione antiossidante della vitamina C è in grado di contrastare lo stress ossidativo provocato dai radicali liberi. Anche se l’ossidazione cellulare è un processo fisiologico per gli esseri umani, esso diventa grave quando si verifica un disequilibrio importante tra la produzione e lo smaltimento dei radicali liberi.
La loro inattivazione avviene grazie al ricorso a complessi sistemi enzimatici che neutralizzano l’ossidazione in eccesso, regolandone la potenziale pericolosità. Se il corpo non dispone di sufficienti riserve degli elementi necessari a questo risultato, lo stress ossidativo che ne deriva, innalza il livello di infiammazione con serie conseguenze nel tempo su tutti i tessuti del corpo.
Se l’esposizione si prolunga le ripercussioni sulla salute possono diventare irreversibili, causando disturbi e serie patologie croniche: diabete, ipertensione, cardiopatie, aterosclerosi, Parkinson, Alzheimer e altre malattie neurodegenerative, artrite reumatoide e persino tumori.

La vitamina C contribuisce a stabilire un opportuno equilibrio antiossidante, ma favorisce anche l’assorbimento del ferro e aiuta il corretto funzionamento del sistema immunitario, che svolge un ruolo chiave nella protezione dell’organismo dall’insorgenza di malattie.[4]

Sistema nervoso

La vitamina C è indispensabile anche al normale svolgimento delle attività cognitive e in numerosi processi neurofisiologici. È infatti coinvolta nella produzione del tessuto nervoso e permette che la conduzione degli stimoli avvenga in modo adeguato. Il giusto apporto di vitamina C all’organismo consente inoltre di intervenire nella produzione di alcuni neurotrasmettitori favorendo così la concentrazione, la memoria e la positività.

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram