106243

Esercizi di memoria per anziani

Dr.-Andrea-Lozzi
Dr. Andrea Lozzi
Medico di medicina generale
Come esercitare la memoria per rallentare il decadimento cognitivo, preservando la concentrazione e la memoria a breve termine.

IL NUOVO EBOOK

21 ricette facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

Decadimento cognitivo

Il decadimento cognitivo, o declino cognitivo, è un processo che avviene in maniera fisiologica nelle persone anziane.

Le cellule nervose, così come tutte le altre presenti nell’organismo, subiscono l’inesorabile trascorrere degli anni, alcune aree del cervello si riducono, la circolazione sanguigna è alterata dal progressivo difettoso adattamento dei vasi cerebrali, che divengono sempre meno elastici.

Tutti questi importanti cambiamenti causano il decadimento cognitivo, che si manifesta con sintomi ben evidenti: difficoltà di memoria, problemi di linguaggio, attenzione, apprendimento, di organizzazione di faccende ordinarie (e straordinarie), disorientamento spazio-temporale anche in luoghi familiari. A seconda della gravità del decadimento cognitivo, tali sintomi possono essere lievi o più accentuati.

Visto che questa condizione, in alcuni casi, potrebbe degenerare in demenza senile o Alzheimer, è importante mantenere il cervello attivo e seguire buone regole di prevenzione.

Prima di tutto bisogna avere uno stile di vita sano, fare attività sportiva regolarmente (adatta alle proprie capacità fisiche) ed esercitarsi con giochi di logica, memoria, calcolo, ed altre tipologie che possano allenare le funzioni cognitive.

Invecchiamento attivo

esercizi anziani

Considerato il fatto che la popolazione mondiale è composta da una percentuale notevole di anziani, il decadimento cognitivo è diventato un problema molto diffuso, poiché colpisce un numero sempre crescente di persone.

Proprio per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ideato il concetto di “invecchiamento attivo”.

Si tratta di una visione innovativa secondo cui gli individui, principalmente quelli in età avanzata, devono gestire in maniera proattiva la propria quotidianità con l’intento di migliorare la qualità della propria vita sotto tutti i punti di vista.

Poiché non esiste una cura per il decadimento cognitivo, infatti, bisogna prevenire o rallentarne lo sviluppo attuando una serie di comportamenti che prevedono una partecipazione attiva alla propria salute (fisica, psichica e sociale).

Alcuni studi recenti hanno dimostrato che il declino cognitivo è correlato a determinati fattori di rischio:

  • stile di vita sedentario
  • alimentazione non salutare
  • alcol e fumo
  • ipertensione
  • ipercolesterolemia
  • diabete
  • obesità
  • depressione
  • isolamento sociale.

L’invecchiamento attivo contempla dunque l’abolizione (o almeno la diminuzione) dei fattori di rischio e la conduzione di uno stile di vita sano.[1]

Memoria a breve termine

La memoria a breve termine, o memoria primaria, è quella utilizzata dal cervello per ricordare informazioni che servono nell’immediato, nel giro di pochi minuti, come una lista di cose da fare o da comprare al supermercato.

È chiaro quindi che il cervello gestisce questo tipo di informazioni diversamente dai ricordi a lungo termine e, proprio per questo, è più facile dimenticare nozioni apprese recentemente rispetto a quelle del passato.

Nelle persone anziane ciò avviene più frequentemente, a causa del fatto che le attività cerebrali subiscono un fisiologico calo graduale.

Questo però non rappresenta un sintomo o un fattore di rischio per la demenza senile o per l’Alzheimer, visto che non si tratta di un processo che compromette il pensiero e lo svolgimento delle normali attività quotidiane.[2]

Capacità di concentrazione

La capacità di concentrazione diminuisce col passare degli anni poiché le aree del cervello che assolvono tale compito hanno una ridotta attività.

Ciò vuol dire che, rispetto ad un organismo giovane, il cervello anziano necessita di un lavoro più grande che coinvolge più risorse cerebrali, per evitare che le distrazioni prendano il sopravvento.

Anche se la natura fa il suo corso, quindi, non è detto che si debba attendere passivamente che ogni funzione si esaurisca in via definitiva o parziale. Mantenere una buona salute del cervello è possibile e migliora notevolmente la qualità della vita dal punto di vista cognitivo, comportamentale, psichico e sociale.

Sin da bambini dovremmo stimolare il cervello a funzionare al meglio, per promuovere il suo corretto sviluppo e per prevenire deficit che si possono manifestare in età avanzata.

Migliorare memoria e concentrazione in modo naturale

Giochi di memoria

È possibile mantenere in allenamento il cervello e le abilità cognitive anche se anziani, adottando strategie semplici e mirate che, oltre a prevenire e invertire il declino cognitivo, possono migliorare altri aspetti della vita: attività quotidiane, socialità, capacità di gestire tutto in autonomia.

Così come l’attività fisica rafforza i muscoli del corpo, allo stesso modo i giochi di memoria possono potenziare le capacità cerebrali e mnemoniche, a qualsiasi età.

I giochi di memoria più utili e diffusi sono i seguenti:

  • ricordare i numeri di telefono ripetendoli più volte durante il giorno
  • imparare una nuova lingua, aggiungendo quotidianamente vocaboli sconosciuti
  • imparare a memoria la lista della spesa prima di recarsi al supermercato
  • cercare di memorizzare una canzone, una poesia o una parte di esse
  • imparare le regole di nuovo gioco di logica e concentrazione (scacchi, golf ecc.)
  • fare giochi come sudoku, ricerca delle differenze, crucipuzzle

Ginnastica mentale

La ginnastica mentale, ovvero l’esercitazione per le funzioni cerebrali e cognitive, non ha a che fare soltanto con i giochi di memoria.

La persona anziana (e non solo) deve stimolare sé stessa a svolgere in maniera fluida e autonoma anche le normali attività quotidiane.

Cosa fare allora?

  • Fare i calcoli a mente senza l’aiuto del calcolatore
  • Avere una vita sociale e interagire con gli altri
  • Cercare di eseguire alcune attività non in maniera abitudinaria (per esempio cambiare strada per tornare a casa)
  • Leggere di più
  • Imparare nuove attività e crearsi un nuovo hobby

Dolori alle ossa, come ridurli in modo naturale

Esercizi di memoria per l’Alzheimer

Le persone che soffrono di Alzheimer conducono una vita particolare, poiché dimenticano anche le più semplici e recenti nozioni, non riescono a svolgere abilmente le ordinarie attività e, nei casi gravi, giungono al punto di dimenticare anche chi sono i propri familiari.

Gestire il morbo di Alzheimer diventa allora molto più complicato!

Anche in questo caso però, è possibile prevenire un declino repentino e precoce e stimolare le attività cerebrali delle persone colpite dall’Alzheimer, grazie ad esercizi di memoria appositi:

  • È importante stimolare la creatività praticando hobby come il giardinaggio, la pittura, la fotografia, la lettura e la visione di film
  • Mantenere attivo e vigile il cervello è possibile anche grazie ai cruciverba, ai puzzle, ai giochi di memoria comuni (sudoku, imparare la lista della spesa, i numeri di telefono ecc.)

Stile di vita sano e attività fisica

Condurre uno stile di vita sano è quanto di più importante si possa fare sia in giovane età che durante l’anzianità.

È importante infatti nutrire il proprio corpo con le sostanze di cui ha bisogno, evitando gli eccessi e gli alimenti dannosi.

Bisogna quindi mettere al primo posto il consumo di frutta e verdura, equilibrandolo con le giuste dosi degli altri nutrienti, in particolare carboidrati integrali, grassi polinsaturi, proteine, vitamine, minerali, ecc.

Oltre alla corretta alimentazione, bisogna praticare attività fisica, in base alle soggettive capacità e condizioni di salute.

Lo sport, infatti, risulta utile sia per rafforzare e rassodare i muscoli che per stimolare le abilità cognitive.

Infine, uno stile di vita sano è possibile anche grazie ad abitudini corrette:

  • evitare alcol, fumo e situazioni stressanti
  • praticare una corretta igiene del sonno e dormire a sufficienza
  • mantenere un buon rapporto con familiari ed amici.[3]

 

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram