109627

Stress nel cane e nel gatto, cause e rimedi

Dr.ssa Occhipinti
Dr.ssa G. Barbara Occhipinti
Medico Veterinario. Specialista in Medicina Low Dose.
Anche gli animali soffrono di stress. Quali sono le cause e i sintomi. Quali i rimedi da adottare per ridurre l’ansia nel cane e nel gatto.

IL NUOVO EBOOK

Ricette gourmet per cani e gatti facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

Gli animali soffrono lo stress?

Lo diciamo spesso: “Gli animali sono migliori degli esseri umani”, proprio per sottolineare quanto in molti casi siano più amorevoli, dolci e comprensivi di noi!

Loro hanno davvero un’anima, una sensibilità innata e un forte senso d’appartenenza che li rende così speciali e importanti per la nostra vita.

Ed è proprio la loro sensibilità a penalizzarli in alcuni casi!

I cani e i gatti, infatti, possono soffrire lo stress, sentirsi frustrati e tristi.

Cause

Le cause dello stress dei nostri amici pelosi possono essere molteplici e talvolta collegate a momenti particolarmente angosciosi e frenetici che viviamo noi in prima persona. Gli animali da compagnia, così come gli altri membri della famiglia, risentono dei nostri cambiamenti d’umore e delle nostre preoccupazioni.

Le cause vere e proprie dello stress nei cani e nei gatti sono però da ricercare in altri fattori.

Vediamo quali sono i principali.

  • Molto spesso, quando i cuccioli vengono adottati subiscono un trauma dovuto alla separazione dalla madre e dai fratelli. Si tratta di una condizione momentanea che va affrontata nella maniera più amorevole possibile.

I piccoli di cane o gatto sono molto simili ai bambini, hanno bisogno di coccole e attenzioni. Proprio per questo è importante dar loro tutto l’amore e la comprensione possibili, soprattutto nei primi tempi, in modo da farli abituare pian piano a una nuova famiglia, un nuovo ambiente e una nuova quotidianità.

  • I ritmi incalzanti della nostra vita quotidiana ci spingono spesso a trascorrere la maggior parte della nostra giornata fuori casa, lasciando così i nostri amici a quattro zampe da soli.
    La noia e la solitudine in questi casi fanno da padrone e loro non possono che risentirne!
  • L’arrivo di un nuovo membro della famiglia, che sia un umano o un altro animale, può essere motivo di destabilizzazione.
    Dover condividere spazi e risorse, se si tratta di altri animali, e dover rinunciare a una buona parte di coccole perché i padroni di casa hanno un bimbo da accudire risulta infatti stressante per i nostri cani e gatti.
  • Se stai pensando di fare dei lavori in casa oppure se sono i vicini ad aver appena aperto un cantiere, sicuramente i tuoi animaletti saranno scossi dai rumori forti e improvvisi.
  • Anche una visita, una toelettatura e un viaggio in macchina possono provocare stress nel cane e nel gatto, perché si tratta di situazioni che esulano dalla loro routine.
  • Non tutti amano le coccole allo stesso modo. Ad esempio, i gatti preferiscono essere accarezzati secondo i loro ritmi e necessità, mentre desiderano essere lasciati in pace quando hanno voglia di stare da soli o di riposarsi e hanno esigenza di tranquillità sia al momento dei pasti che dei bisogni.

Segnali dello stress nel cane

I segnali dello stress nel cane ai quali bisogna prestare attenzione possono essere di diverso tipo. Cosa fa nello specifico un cane stressato? Scopriamolo insieme:

  • si lecca spesso le labbra e sbava
  • si nasconde
  • fa sbadigli lunghi e frequenti
  • fa i bisogni in casa o dove non li ha mai fatti prima
  • assume comportamenti ripetitivi e mostra irrequietezza
  • ha uno sguardo sfuggente

Sintomi dello stress nel gatto

Quando un gatto è stressato, è possibile capirlo da alcuni sintomi:

  • irrequietezza e miagolio eccessivo
  • posizione accovacciata con orecchie all’indietro assunta di frequente
  • mancanza o eccesso di appetito
  • letargia o forte aumento di attività
  • aggressività
  • perdita di peli (in periodi extra muta)

Problemi comportamentali

È evidente che lo stress provoca problemi comportamentali, ai quali è possibile trovare rimedio una volta individuate e trattate le cause nel giusto modo.

Un problema comportamentale è un vero e proprio segnale, un modo  con cui l’animale comunica il proprio stato d’animo ed è per questo che non bisogna mai sottovalutarlo.

Occorre osservare i nostri amici a quattro zampe e monitorare gli eventuali atteggiamenti anomali, per cercare di capire a cosa possano essere associati e quanto possano incidere sulla loro quotidianità e sulla convivenza con gli umani.

Ogni casa ed ogni famiglia ha le sue regole, questo è ovvio, ma se le abitudini vengono infrante improvvisamente, senza una ragione apparente, forse è il sintomo del fatto che qualcosa non va per il verso giusto!

Il veterinario o il consulente comportamentale per animali saprà sicuramente fornirti un adeguato supporto per affrontare il problema.

Come ridurre l’ansia nei cani e nei gatti

stress nel cane e nel gatto - ansia

Innanzitutto, prima di trovare una soluzione per l’ansia nei cani e nei gatti bisogna assicurarsi che i loro sintomi siano riconducibili allo stress.

Ci sono, Infatti, alcuni comportamenti o segnali che possono essere causati da problemi di salute di diversa natura e che, quindi, richiedono una cura specifica.

Il fatto che l’animale faccia i bisogni in posti insoliti della casa, ad esempio, potrebbe anche dipendere da una cistite o da problemi renali. Per questa ragione è importante rivolgersi sempre al veterinario, al fine di comprendere se sono necessari esami specifici per indagare a fondo sulle cause di alcuni comportamenti.

Appurato che si tratta di ansia e stress, bisogna quindi agire partendo dall’eliminazione dei fattori scatenanti.

  • Se trascorri molto tempo fuori casa durante il giorno, dovresti fornire al tuo amico peloso tutti i giochi di cui ha bisogno per divertirsi e mantenersi in attività senza annoiarsi fino al tuo rientro.
    Fai attenzione anche al luogo in cui decidi di posizionare la lettiera e le ciotole per l’acqua e il cibo; il gatto (a volte anche il cane) preferisce mangiare e fare i bisogni in maniera appartata!
    È persino superfluo specificare poi che la lettiera deve essere pulita frequentemente, sia per una questione igienica che per non generare stress agli animali.
  • L’introduzione di un nuovo membro della famiglia, animale o umano che sia, va gestita in maniera graduale.
    A ogni animaletto le sue ciotole, i suoi spazi e i suoi giochi!
    Inoltre, quando in casa c’è un bambino che comincia a gattonare e a muoversi bisogna assicurarsi che non “invada” gli spazi del gatto o del cane.
    Il luogo dove si trovano le ciotole e la lettiera non devono essere accessibili per il bambino, sia per evitare contatti con sporco e batteri, sia per concedere la giusta privacy agli animali.
  • Prima di avviare i lavori in casa, occupati di trovare almeno una stanza “sicura” a disposizione del tuo amico a quattro zampe e, se non ne hai la possibilità, valuta pure l’idea di chiedere a un tuo familiare di accudire il gatto o il cane per un periodo di tempo. Assicurati però di fornirgli un ambiente accogliente e fagli visita tutte le volte che puoi, in modo da non farlo sentire abbandonato.

Naturalmente ogni animale e ogni situazione sono diversi, ragion per cui è sempre importante chiedere consiglio al veterinario in merito agli eventuali controlli da effettuare e sui comportamenti da assumere per ridare la serenità al gatto o al cane.[1]

Rimedi naturali

È possibile adottare alcuni rimedi naturali efficaci contro lo stress degli animali.

  • Molto diffusi sono gli spray a base di feromone, i quali hanno un ottimo potere calmante
  • Oli essenziali, come quello alla lavanda, possono donare serenità
  • Le passeggiate consuete non devono mai mancare; l’animale deve sempre avere la possibilità di ritrovare il proprio contatto con la natura: è la sua indole a richiederlo!
  • Integratori a base di melatonina, sotto consiglio medico, possono rivelarsi utili per superare le situazioni stressanti.[2]

Mangime complementare

Per aiutare i cuccioli attraverso una somministrazione agevole e dai risultati garantiti, sono stati ideati mangimi complementari appositi!

Si tratta di alimenti appetibili e ben bilanciati nei nutrienti, a base di sostanze calmanti che aiutano il tuo animale domestico ad affrontare con maggiore serenità le situazioni di stress.

Nonostante la comprovata efficacia, l’utilizzo di questi mangimi non può prescindere dalle buone abitudini di cui abbiamo parlato in precedenza. È importante rendere la quotidianità del proprio amico peloso più serena, rimuovendo o mitigando i fattori dai quali scaturisce lo stress!

Mangimi complementari per cani e gatti, quali scegliere e perché

 

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram