102743

Smagliature? alimentazione e rimedi naturali

Nicoletta Frasca
Dr.ssa Nicoletta Frasca
Medico Chirurgo. Specialista in Dermatologia, Chirurgia Plastica e Idrologia Medica
Cosa sono le smagliature, come si formano, cosa mangiare e quali sono i rimedi naturali per eliminare questo fastidioso inestetismo cutaneo.

IL NUOVO EBOOK

21 ricette facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

Le smagliature (striae atrofiche distensae) probabilmente rappresentano l’inestetismo cutaneo più diffuso, odiato e combattuto principalmente dalle donne, ma non solo.

Purtroppo, non è sempre facile riuscire a eliminare le smagliature dal proprio corpo, l’unico rimedio efficace è evitare la loro formazione. È tuttavia possibile applicare alcuni rimedi naturali che possono aiutare ad attenuare questo fastidiosissimo inestetismo della pelle. In ogni caso determinante è il fattore tempo, perché trattare le smagliature che si sono appena formate (smagliature rosse) è molto più semplice rispetto a cercare di migliorare l’aspetto di quelle in fase avanzata (smagliature bianche).

Soffrono di smagliature soprattutto le donne dato che, come vedremo in seguito, queste si presentano in particolare in gravidanza, periodo nel quale la variazione di peso è repentina nell’arco di pochi mesi.

BENESSERE PSICO-FISICO IN GRAVIDANZA

Cosa sono le smagliature e come si formano

Le smagliature sono inestetismi cutanei che si presentano come striature della pelle che assume una diversa colorazione rispetto a quello della zona circostante ed in tal modo divengono evidenti. Nel tratto in cui avviene il cedimento del tessuto connettivo di sostegno sottostante, l’epidermide è più sottile e ciò ne cambia anche il colore e l’aspetto estetico, riducendone la vascolarizzazione ed impedendo il normale apporto nutritivo. Ciò genera una sorta di “cicatrice” visibile, in forma di stria che può essere più pigmentata (rossa all’inizio) o priva di colorazione (bianca man mano che passa il tempo).

Tra i principali fattori responsabili dell’insorgenza delle smagliature ci sono le repentine variazioni di peso corporeo, il famoso effetto yo-yo. In soggetti con la cute poco elastica la pelle non è capace di sopportare la tensione che viene a crearsi e ciò porta alla rottura delle fibre di collagene[1] del tessuto connettivo di sostegno con la conseguente comparsa dell’inestetismo. È come se si tirasse troppo un tessuto, che alla fine cede e si strappa. Chi ingrassa e dimagrisce molto in poco tempo, ricorrendo a diete improvvisate e spesso squilibrate, è più soggetto a questo fenomeno.

Anche l’assunzione prolungata di alcuni farmaci, ad esempio i cortisonici, può facilitare la formazione delle smagliature.

SOVRAPPESO E OBESITÀ, COME AFFRONTARLI CON LA DIETA

Dove si formano le smagliature

In genere le smagliature si formano nelle zone di tensione della pelle, in particolare:

  • lungo i fianchi
  • sui glutei
  • sulle cosce
  • sul seno
  • sulla pancia

Gravidanza e smagliature

Le donne in gravidanza possono facilmente vedere comparire sul proprio corpo smagliature su pancia e seno, soprattutto nel periodo che va dal sesto al nono mese.

A contribuire alla formazione di questo inestetismo non è solo l’aumento di peso, ma anche la maggiore formazione di un ormone, il cortisolo, che determina la diminuzione di produzione dell’elastina e la conseguente perdita di elasticità della pelle.

Per evitare il più possibile la formazione delle smagliature durante la gravidanza è indispensabile mantenere la pelle ben idratata bevendo almeno due litri di acqua al giorno e applicando quotidianamente una crema idratante e nutritiva, specialmente su pancia e seno, ed evitare di ingrassare oltre misura (a termine, una gravidanza normale di un solo bimbo deve prevedere un aumento del peso nell’ordine di 11-12 kg).

PERCHÉ BERE ACQUA FA BENE

Alimentazione contro le smagliature

Alimentazione contro le smagliature

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella lotta contro le smagliature, non solo perché avere una dieta sana ed equilibrata aiuta a mantenere il peso forma, ma perché assumendo i giusti alimenti possiamo aiutare la pelle a rimanere elastica e ben idratata.

Cosa mangiare per combattere le smagliature

  • frutta e verdura ricca di Vitamina C (agrumi, peperoni, prezzemolo)
  • cibi che stimolano la produzione di collagene (pomodori, salmone, uova)
  • alimenti ricchi di fibre
  • cibi ricchi di betacarotene (uova, carote, pesche, albicocche, meloni)
  • alimenti che contengono Vitamina E (oli vegetali, cereali integrali, verdure a foglia verde)
  • cibi ricchi di magnesio (germe di grano, germogli di soia, semi oleosi come noci e mandorle, pesce)
  • alimenti che contengono zinco (germe di grano, frutti di mare).

Il consiglio sempre valido è mantenersi ben idratati bevendo almeno due litri di acqua al giorno.

Rimedi naturali per le smagliature

Per migliorare l’elasticità della pelle inoltre è possibile utilizzare diversi rimedi naturali che aiutano a contrastare le smagliature.

Gli oli vegetali

Gli oli vegetali

Gli oli vegetali sono ottimi per migliorare l’elasticità della pelle grazie alle loro proprietà idratanti, nutrienti, rigeneranti, cicatrizzanti e antinfiammatorie. I più usati sono:

  • olio di mandorle
  • olio di cocco
  • olio di Rosa mosqueta
  • olio di Argan
  • olio di avocado
  • olio di germe di grano
  • burro di Karité

Il succo di limone

Il succo di limone da applicare puro sulle smagliature grazie al contenuto di vitamina C può aiutare la produzione di collagene e migliorare così l’aspetto delle smagliature.

Il gel di aloe vera

Il gel di aloe vera può essere efficace sulle smagliature grazie al suo alto contenuto di Vitamina C e Vitamina E.

Lo zucchero

Lo zucchero può essere un ottimo esfoliante per la pelle, aiutando a eliminare le cellule morte e migliorando l’aspetto delle smagliature. Altrettanto utile può essere anche il bicarbonato di sodio, con il medesimo obiettivo.

Medicina estetica

Creme dermocosmetiche

In prevenzione si possono usare creme dermocosmetiche a base di Centella asiatica e Pinus sylvestris che agiscono in sinergia attraverso un processo di attivazione molecolare che controlla la produzione di collagene di tipo I e III, promuovendo in modo ottimale il processo di cicatrizzazione e regolando il corretto equilibrio dei processi cutanei e modulando l’infiammazione del tessuto cicatriziale.

Centella asiatica

La Centella asiatica, in particolare, svolge due azioni fondamentali: incorpora e lega al collagene alanina e prolina, due aminoacidi essenziali per la biosintesi delle proteine strutturali, stimolando la formazione di tessuto di granulazione. Inoltre, promuove l’ottimale riepitelizzazione della stria, stimolando la biosintesi di glucosaminoglicani, processo che aiuta a ricostruire la matrice connettivale che sostiene l’epidermide.

L’applicazione deve avvenire 2-3 volte al giorno in base alle indicazioni del medico o del farmacista ed esclusivamente sulla cute integra, evitando il contatto con gli occhi, le mucose e le ferite aperte.

La biodermogenesi

La biodermogenesi è un trattamento combinato che sfrutta un’associazione fra radiofrequenza e campi magnetici, che ha dimostrato la sua efficacia in uno studio condotto dall’Università di Pavia e di Pisa[2]. La biodermogenesi si esegue con appositi macchinari dotati di manipoli che vengono fatti scorrere sulla pelle ed emettono lievi impulsi elettrici capaci di stimolare le cellule del derma (i fibroblasti), stimolandoli a sintetizzare nuove fibre elastiche e nuovo collagene. Successivamente lo stesso strumento consente l’applicazione di campi magnetici capaci di migliorare la circolazione dell’area, che, come detto, è ridotta in corrispondenza della smagliatura. Essi sono in grado di esercitare anche un’azione drenante, favorendo il riassorbimento delle scorie prodotte dalla rivascolarizzazione dei tessuti trattati.

La biodermogenesi non è adatta sulle smagliature vicino a orecchie, occhi, ascelle, labbra, genitali e capezzoli.

 

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram