115986

Malva, proprietà terapeutiche e benefici

Antonello Arrighi
Dr. Antonello Arrighi
Specialista in Pediatria. Pediatra di Libera Scelta USL 8 Arezzo.
La malva e i suoi estratti vengono principalmente utilizzati per alleviare le infiammazioni del cavo orofaringeo e in caso di tosse.

IL NUOVO EBOOK

21 ricette facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

Cos’è Malva sylvestris

La Malva sylvestris, conosciuta anche come Malva comune o selvatica, è una pianta erbacea a ciclo perenne di piccole dimensioni (circa 0,91 cm – 1,22 m), appartenente alla famiglia botanica delle Malvaceae, la stessa a cui appartiene anche il cotone.

Questa pianta si può trovare in tutto il mondo poiché cresce spontaneamente in aree come giardini, bordi di prato, terreni incolti, nei pressi dei binari ferroviari, ecc. e si riproduce facilmente.

La Malva Sylvestris è dotata di una radice che genera foglie di forma pentagonale e di fiori color roseo-lilla (da cui prende appunto il nome la pianta).

Le foglie e i fiori della malva si raccolgono da giugno a settembre; i fiori, però, vanno raccolti quando sono appena sbocciati o ancora in bocciolo.

La malva essiccata, invece, è disponibile in commercio tutto l’anno[1].

Proprietà

La Malva Sylvestris è una pianta officinale assai preziosa per le sue molteplici proprietà, tanto da essere spesso utilizzata per scopi medicinali o alimentari.

Nello specifico, essa è nota per le spiccate proprietà emollienti, antinfiammatorie e antiossidanti.

Proprietà antiossidanti

Alcune parti della malva (in particolare i semi) hanno proprietà[2], che contribuiscono a mantenere l’elasticità della pelle, anche di quella più sensibile.

Infatti, molti prodotti anti-age, creme e lozioni per pelli secche o che hanno subito scottature sono a base di malva, perché proteggono contro le irritazioni e l’invecchiamento cutaneo.

Proprietà antinfiammatorie

Le foglie e i fiori della Malva Sylvestris contengono mucillagini (proteine prodotte da alcune piante per trattenere l’acqua) e altri principi attivi, tra cui: potassio, ossalato di calcio, vitamine e pectina in grado di curare infiammazioni localizzate, acute o croniche (sia interne che esterne all’organismo).

Nello specifico, i prodotti a base di malva si utilizzano per curare o lenire psoriasi, eczemi, orticarie, brufoli, vescicole, ecc.

Se non si vuole acquistare un prodotto specifico, si può trovare sollievo anche semplicemente tamponando la zona infiammata con un batuffolo di cotone imbevuto di infuso di malva.

Il suo potere lenitivo ne fa un ottimo rimedio contro le infiammazioni che colpiscono la bocca e gli occhi (gengiviti, orzaiolo, ecc.) e le infiammazioni delle prime vie aeree (tosse, faringite, ecc.).[3]

Proprietà emollienti

Grazie alla presenza delle mucillagini sia nelle foglie che nei fiori, la malva rende la pelle idratata e morbida.[4]

Infatti, in caso di punture di insetti, scottature, lividi o eruzioni cutanee, dona immediatamente un senso di freschezza, riducendo sia il gonfiore che il bruciore o il prurito correlati.

Benefici della malva

L’utilizzo della malva come rimedio naturale per disturbi o malanni dell’organismo, porta con sé numerosi benefici.

Essa ha una discreta azione antidolorifica, capace di alleviare algie dovute a: 

  • reumatismi muscolo-scheletrici
  • mestruazioni
  • disturbi vaginali (prurito, irrritazioni, ecc.)
  • disturbi respiratori (tosse, bronchite)
  • disturbi gastrointestinali (gastrite, crampi intestinali, stitichezza, ecc.)
  • disturbi dermatologici (acne, brufoli, infiammazioni, ecc.)

Inoltre, assumere un infuso di fiori di malva può rinforzare il sistema immunitario, prevenendo malanni stagionali, infezioni batteriche e altri disturbi.[5]

I fiori e le foglie di malva

I fiori e le foglie sono le parti più utilizzate della malva nella medicina tradizionale, per preparare infusi, tisane, decotti o impacchi.

Gli infusi di tè caldo con fiori di malva essiccata fungono sia da antinfiammatorio che da antidolorifico, donando sollievo in caso di dolori gastro-intestinali e migliorando la digestione, come pure in caso di infiammazioni alle vie aeree o dell’apparato genito-urinario femminile (cistite, candida, ecc.).

Inoltre, l’estratto di fiori ha anche mostrato elevati effetti antibatterici su alcuni ceppi di batteri patogeni umani, come Staphylococcus aureus e Streptococcus agalactiae.[6]

Le foglie di malva, invece, sono utili in caso di ferite alla pelle e piccoli tagli, dato che le sostanze chimiche e le vitamine contenute al suo interno aiutano ad accelerare la guarigione e fungono anche da analgesico, riducendo sia il disagio che il dolore.

Le foglie di malva, inoltre, proteggono anche le gengive e il cavo orale dalle infiammazioni mucose e ne prevengono le infezioni, perché i polifenoli presenti nella pianta sono profilattici per lo sviluppo della placca batterica, grazie alla capacità antiradicali liberi.

Le foglie possono essere utilizzate fresche ogni volta che sono disponibili o possono essere raccolte in primavera ed essiccate per un uso successivo.

I fiori, invece, sono raccolti in estate, ma possono ugualmente venir essiccati per poi essere utilizzati al momento opportuno.

Con i fiori e le foglie di malva possono essere eseguiti anche impacchi per favorire la crescita di unghie e capelli o per realizzare lozioni o maschere per idratare la pelle.[7]

Inoltre, le foglie di malva sono contenute in alcuni medicinali per alleviare disturbi allo stomaco e all’intestino.

Tuttavia, è preferibile che i medicinali contenenti foglie di malva siano usati solo negli adulti o negli adolescenti a partire dai 12 anni di età.

Naturalmente, se l’irritazione alla gola dura più di una settimana o il disagio allo stomaco più di due, è preferibile consultare il medico.[8]

Usi culinari

Le foglie di malva possono essere consumate sia crude che cotte, dato che sono completamente commestibili.

Quando le foglie sono ancora molto giovani possono essere mescolate alla lattuga, alla rucola o al soncino (valeriana) per realizzare una misticanza gustosa e salutare.

Inoltre, le foglie di malva possono anche essere bollite per preparare zuppe o brodi, così da arricchire il sapore dell’intero piatto.

Altri usi dei fiori di malva

I fiori di malva vengono utilizzati anche per tingere in modo naturale stoffe o, in altri paesi, gli stessi fiori vengono diluiti con acqua tiepida per ottenere degli sciroppi naturali in caso di tosse e mal di gola.

Effetti indesiderati

La malva è un rimedio naturale ben tollerato, sicuro e privo di effetti collaterali rilevanti (a meno che non ci sia un’alta sensibilità in merito a una delle componenti presenti nella pianta stessa).

In virtù di ciò può essere utilizzata durante la gravidanza, l’allattamento, dai bambini e dagli anziani.

Le foglie di malva possono fornire quantità utili di ferro, oltre ad essere piuttosto ricche di zinco e della maggior parte delle vitamine.

La malva contenuta in un qualsiasi medicinale, invece, può avere concentrazioni di attivi maggiori di quella naturale (miscelata con acqua tiepida, tè caldi, ecc.); per questo è sempre preferibile consultare il medico per capire quando è sicuro assumerla.[9]

 

[1] Razavi SM, Zarrini G, Molavi G, Ghasemi G. Bioactivity of malva sylvestris L., a medicinal plant from iran. Iran J Basic Med Sci. 2011;14(6):574-579. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3586856/

[2] Benefits of Malva sylvestris L. Nutritional Compounds for Metabolites, Antioxidants, and Anti-Inflammatory, Anticancer, and Antimicrobial Applications. Evid Based Complement Alternat Med. 2021;2021:5548404. Published 2021 Aug 14. doi:10.1155/2021/5548404 

[3] https://www.humanitas-sanpiox.it/enciclopedia-medica/alimenti/malva/

[4] Prudente AS, Loddi AM, Duarte MR, Santos AR, Pochapski MT, Pizzolatti MG, Hayashi SS, Campos FR, Pontarolo R, Santos FA, Cabrini DA, Otuki MF. Pre-clinical anti-inflammatory aspects of a cuisine and medicinal millennial herb: Malva sylvestris L. Food Chem Toxicol. 2013 Aug;58:324-31. doi: 10.1016/j.fct.2013.04.042. Epub 2013 May 16. PMID: 23684757 

[5] Mousavi SM, Hashemi SA, Behbudi G, et al. Una rassegna sui benefici per la salute di Malva sylvestris L. Composti nutrizionali per metaboliti, antiossidanti e applicazioni antinfiammatorie, antitumorali e antimicrobiche. Evid Based Complement Alternative Med . 2021;2021:5548404. Pubblicato il 14 agosto 2021. doi:10.1155/2021/5548404

[6]Razavi SM, Zarrini G, Molavi G, Ghasemi G. Bioactivity of malva sylvestris L., a medicinal plant from iran. Iran J Basic Med Sci. 2011;14(6):574-579.

[7]Barros L, Carvalho AM, Ferreira IC. Leaves, flowers, immature fruits and leafy flowered stems of Malva sylvestris: a comparative study of the nutraceutical potential and composition. Food Chem Toxicol. 2010 Jun;48(6):1466-72. doi: 10.1016/j.fct.2010.03.012. Epub 2010 Mar 15. PMID: 20233600.

[8] https://www.ema.europa.eu/en/medicines/herbal/malvae-folium

[9] https://www.ema.europa.eu/en/medicines/herbal/malvae-folium

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram