102467

La Primavera porta Stanchezza, Sbalzi d’Umore, Disturbi del Sonno e fiori… di Bach

Sergio Laricchia
Dott. Sergio Laricchia
Esperto di fiori di Bach
La Primavera è la stagione della rinascita, delle fioriture, del rinnovamento. E come è noto, ogni cambiamento porta con sé qualche ‘sfida’.

IL NUOVO EBOOK

21 ricette facili da realizzare con prodotti naturali e di qualità.
Dallo Chef Ugo Gastaldi
SCARICALO
 

La transizione ad un nuovo stato, inevitabilmente, passa per qualche necessaria instabilità prima di recuperare l’equilibrio. Un po’ come quando da un asana yoga, in cui ci sentiamo finalmente stabili e comodi, passiamo ad una nuova che ci porta a reclutare nuovi e sconosciuti muscoli!

benessere

L’allungamento delle giornate, complice anche il passaggio all’ora legale (un’ora in meno di sonno), richiede un riadattamento dei ritmi circadiani e dell’equilibrio ormonale, con una modificata produzione di cortisolo, l’ormone dello stress. Ed ecco che, in questa stagione, l’ansia raggiunge il suo picco; ci sentiamo più sensibili e facilmente irritabili; a volte, il sonno ci risulta disturbato e, in molti, proviamo uno stato di prostrazione ed esaurimento psico fisico

natura

Come possiamo affrontare queste condizioni? Ovviamente con un maggior contatto con la Natura, con la pratica dello Yoga e con un’alimentazione sana ed equilibrata. Sul lato emotivo, un ulteriore aiuto, lo troviamo facendoci ispirare dai fiori di Bach, le 38 essenze, identificate nei primi anni del 1900, dal Medico Inglese, di origini Gallesi, Edward Bach. Ognuna corrisponde ad uno specifico stato d’animo o condizione emotiva. Sono, in pratica, archetipi floreali a cui ispirarci, mentre ne assumiamo l’essenza, per evocare le nostre innate risorse e capacità di adattamento.

yoga

Infatti, ogni essenza esprime una condizione di squilibrio ma anche la sua virtù opposta. Ad esempio, Impatiens rappresenta l’impazienza e la facile irritabilità, ma anche il dinamismo e la pazienza. Ogni fiore ha una sua ‘signatura’ (firma), un comportamento botanico che riflette quello del biotipo corrispondente. Così se sfioriamo il baccello di Impatiens, questi lancia esplosivamente i semi a distanza, al punto da essersi guadagnato il nome comune di “Non mi toccare”. Questi aspetti sono egregiamente approfonditi da Irene Valeriani nel suo pregevole testo Incontri con le Piante dei Fiori di Bach.

Allo stato di stress e di ansia corrispondono fiori quali Impatiens, appunto, (da irritabilità, ansia da anticipazione a pazienza e tranquillità) e Cherry plum (da paura di perdere il controllo a padronanza) che troviamo, insieme ad altre essenze sinergiche, nel composto pronto Resource Remedy (Relax no Stress).

Quando gli sbalzi d’umore sono esasperati da una particolare sensibilità legata ai ritmi femminili (sindrome premestruale o menopausa) troviamo corrispondenza con essenze quali Walnut (da ipersensibilità a protezione) e Mustard (da malinconia che va e viene inspiegabilmente a gioia) che, insieme ad altri estratti adatti, sono incluse nel composto pronto Resource Harmony (Armonia Femminile).

L’ansia che ci impedisce di prendere sonno è rappresentata da White Chestnut (da pensieri ossessivi e ripetitivi a pace), lo squilibrio dei ritmi circadiani e biologici in genere è una caratteristica di Scleranthus (da indecisione, alternanza a integrazione), entrambi presenti nel composto pronto Resource GoodNight (Sonno Sereno).

Lo stato di prostrazione (“burnout”) è invece simboleggiato da Olive (da esaurimento psicofisico a rigenerazione) e Hornbeam (da titubanza, stanchezza del lunedì mattina a vigore) inclusi, insieme ad altre essenze rappresentative, nel composto pronto Resource EnerJoy (Energia e Vitalità).

Se l’esaurimento psicofisico, accompagnato ad un momento di valutazione (esami, colloqui lavorativi, scadenze importanti), fa vacillare la nostra autostima, possiamo trarre ispirazione da Larch (da mancanza di fiducia in sé stessi a audacia) ed Elm (da senso di sovraccarico di responsabilità a risolutezza), entrambi presenti nel composto pronto Resource Confidence (Autostima e Fiducia).

Per ottenere il massimo dalle nostre risorse interiori, è senz’altro utile ripetere, ad ogni assunzione (4 gocce x 4 volte al giorno), le affermazioni positive che troviamo nel foglietto interno ai composti pronti Resource e praticare, regolarmente, le meditazioni specifiche riportate sul foglietto stesso.

Buona Primavera a tutti!

Articolo pubblicato su Yoga Quotidiano.

ATTENZIONE
Le informazioni contenute sul Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento e non rappresentano un consulto medico, una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, né sostituiscono in nessun caso il parere del medico.
Siamo sempre disponibili a migliorare il contenuto dei nostri articoli: se rilevi inesattenze o imprecisioni scrivici a web@guna.it
Leggi il disclaimer

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram