58167

Vivere bene, morire bene. prospettiva e strumenti spirituali

Prezzo consigliato al pubblico: 11,00

Acquista online

Vivere bene, morire bene. prospettiva e strumenti spirituali

P. Roche de Coppens

  • Categoria: Medicina e spiritualità

La nascita e la morte dell’essere umano si trovano su un grande continuum dove tutto è connesso ed interagente con tutto. La morte o la fine non esistono; esistono solo la Vita e la continuità, che passano attraverso varie trasformazioni dove la nascita e la morte sono le più grandi ed importanti e, ad esempio, l’addormentarsi ed il risvegliarsi sono i cambiamenti corrispondenti che viviamo quotidianamente.

L’implicazione fondamentale di questo continuum è che per  “morire bene” dobbiamo “vivere bene” e viceversa.

A livello pratico e concreto ciò significa poter controllare e guidare i propri pensieri, emozioni, immaginazione e parole; vivere senza paura, angoscia ed ansia, frustrazioni, violenza e rabbia. Ma per raggiungere tale obiettivo è necessario lavorare, purificare e consacrare i propri attributi ontologici; significa specificamente poter dare significato (per la mente), valore ed apprezzamento (per il cuore) e scopo ed obiettivi (per la volontà). In questo continuum tutto è interconnesso ed interagente. 

Tutto ciò a sua volta implica essere “fedeli a se stessi”; fare il proprio dovere, sviluppare e mettere al servizio degli altri i nostri doni, facoltà e potenzialità, essere utili, fare scambi ed utilizzare tutte le nostre energie e risorse. La vita, a livello simbolico ed analogico, può essere paragonata al giorno e la vita dopo la morte del corpo alla notte. Durante il giorno siamo “svegli” con un certo livello di autocoscienza; agiamo, facciamo sforzi e sacrifici e ci relazioniamo con altre persone. Invece, durante la notte ci rilassiamo ed entriamo in contatto con noi stessi, con i nostri corpi sottili ed il mondo astrale. In questo grande continuum troviamo gli opposti ed i poli complementari di attività-riposo, azione-contemplazione, crescita-armonia.

Ciò significa anche che ogni nascita implica una morte come ogni morte implica una nascita dove la Vita continua e perdura. Ma in dimensioni, livelli e vibrazioni differenti.

Il Prof. Peter Roche de Coppens è nato ad una nuova vita il 12 giugno 2012.  “Vivere bene, morire bene” rappresenta simbolicamente il testamento dell’Autore e l’addio ai molti allievi ed estimatori che, in tutto il mondo, hanno cercato e trovato nelle sue parole e nel suo vissuto la guida alla consapevolezza di sé e della propria unicità e unità fisica, mentale, emozionale e spirituale. 

 

 

P. Roche de Coppens

Guna Editore pp. 136

Download

CONTATTI

Guna S.p.a. | via Palmanova 71 - 20132 Milano | P. iva 06891420157
tel: +39 02 280181 | email: info@guna.it
PEC (solo per comunicazioni con Enti e Amministrazioni): guna@legalmail.it

Azienda con sistema di gestione qualità UNI EN ISO 9001:2015 certificato da Bureau Veritas Italia SpA | tutti i diritti riservati
Registro delle imprese di Milano, numero di iscrizione: REA 1124454, Capitale Sociale: Euro 3.000.000,00 i.v.

 
guna su facebook
guna su youtube
guna su instagram
guna su LinkedIn
guna su Telegram